Gil Pezza, La Frase Schermistica, Ospiti

Amarcord, Maestro Janos Kevey

Gil Pezza, che dovreste ormai ben conoscere per i suoi qualificati interventi su questo sito e sul precedente, ha scritto un post su Facebook per ricordare Janos Kevey, di cui fu allievo per un periodo, e di cui ricorre il 113° anniversario dalla nascita.

Si perde facilmente la memoria di personaggi che hanno contribuito in misura notevole all’evoluzione della scherma sportiva. Il Maestro Kevey è stato certamente fra questi, e trovo molto giusto ricordarlo.

L’articolo che segue è stato già pubblicato nel 2012, ma non è più possibile ritrovarlo sul Web, perché quel sito, o quei siti, non ci sono più. Tuttavia – per chi volesse saperne di più – si trovano ancora notizie e video che lo riguardano. Ho anche la trascrizione, purtroppo senza figure, del libro che Albert Martincic, che fu suo allievo e poi amico, scrisse sul suo metodo: dal suo libro apprendo che Kevey nacque il 28 Febbraio 1907 a Kevevara.

Qui di seguito trovate l’articolo di Gil Pezza – che ringrazio – nella sua versione inglese, con le foto che ho recuperato, e poi nella versione italiana, priva di foto.

 

Amarcord, Maestro Janos Kevey

I remember a fencing legend…

The idea for this short story was born from an ongoing email exchange with the granddaughter of Maestro Janos Kevey (1907-1991), who recently started a public page on Facebook to honor the memory of her renowned grandfather, Fencing Master Janos Kevey.

I had been a student (allievo, in Italian or rather alleivo as Kevey used to say) of this great Maestro during my preteen years at the exclusive fencing club Societá del Giardino in downtown, Milan Italy.   In my email exchange with his granddaughter I shared with her some of the more significant episodes of my experience with him. Two of these episodes are mentioned below.

I borrowed the title – AMARCORD – for this short story from the famous 1973 Fellini movie not only for the precise meaning of the word (Amarcord means I remember in the dialect of the Romagna region in Italy) but also because this expression carries with it the mythical connotation of our memories as children and early adolescents when we still believed—indiscriminately—in myths. It is the period of our life during which the dominant figures of dad, mom, and of the fencing Maestro are still perceived as demigods in a perspective not yet corrupted by experience.

 

Maestro Kevey was a charismatic man, with an imposing figure, a mane of white hair and the bearing of a cavalry officer. He had a tireless, indefatigable temperament. His mere presence energized  the entire fencing salle—with continuous and incessant group lessons inside the salle as well as outdoors in the Giardino’s private garden just outside the salle; my brother John and I, both still very young,  Attilio Fini, still competing at that time, Giordano Berti, and others, all together in a non-stop carousel of double advances and retreats, lunges and flèches; flèche from the lunge or after the jump back from the lunge, but more than anything else, flèches and never ending flèches.

“NO HELICOPTER!” The Maestro would scream if you happened to give the wrong push with your back foot, i.e., a downward push in the vertical plane resulting in an upward lift rather than in a flèche projected horizontally toward the opponent.  Woe betide you if your forward leg failed to maintain the proper distance while advancing, or if it paused for a second too long in the lunge before the jump back… your leg  would find itself on the receiving end of a punishing saber cut, promptly and without fail. Two or three of those slashes would ensure that such a mistake was never repeated.

Maestro Kevey would not tolerate any failings off the strip either.

One time John and I entered the salle without stopping to greet him. He walked up to us and with the blade of his saber traced in the air the sign of the cross in front of our mortified little faces and said, “You did not greet Maestro, you like dead to me.”

When we got back home and told this to our father, he said, “He’s right! You must apologize to him!”

So, the next day we apologized to him but he still made us wait for few days before allowing us back in the group. Anyway, from that day I never again forgot to greet him or Maestro Volpini when I arrived in the salle and before leaving.

Nowadays such behavior could appear to be a bit excessive but at the Giardino in those days (before 1970) the protocol was very strict. One could not take the fencing jacket off in the salle and when you arrived at the club you had to be dressed properly, in the true meaning of the word. If you walked between two fencers on the strip, everybody in the entire salle would stop and all fencers would beat their blade on the floor until Maestro Volpini would say, “drinks for all!” and the poor fellow (or his parents) had to foot the bill: Fanta or Coca Cola for the fencers, for the Maestri and parents present in the salle the barman from the private bar at Giardino would be summoned to take the orders for cocktails—the check could be quite steep.

Seen from the perspective of experience, Maestro Kevey’s methodology was based on the principle that pressure produces diamonds. Therefore, this was not a school for everyone, clearly not for the weak or   the hypersensitive. But if one had ambition and passion his lessons were very captivating because he was very adept in drawing out the competitive spirit in you by presenting himself as the opponent not only to beat but to destroy. Indeed, all of his games (like catching a series of increasingly smaller rubber rings with the point of the foil, or catching a tossed fencing glove in mid air) came down to a fierce gauntlet between Italy and Hungary. If you lost the decisive point of the game being played he would always say, “YOU ITALIANS ARRIVE DOORS OF VICTORY AND FALL APART!” this to fire up our Italian pride and instill in us the desire to get our turn—and revenge—against Hungary. When this happened, we would start all over until we found the right concentration and focus which would allow us to prevail. After the group lesson, he would always tell my brother and me, “Now go take lesson with Maestro Volpini and learn great technique.”

My most vivid memory goes back to when I was 10 years old during an afternoon in a competition held at CONI (Sport Center) in downtown Milan. During the final (round robin of 8, dry foil) I had started with 2 or 3 losses, fencing very poorly.

While waiting—quite discouraged—for my next bout, and being afraid to perform poorly again in front of my father who was watching, Maestro Kevey came to me and took my non fencing hand, and while  staring intensely into my eyes said, “You sleep on strip. You not scream. I now create small pain in you so wake up and fence to win!” He then proceeded to pinch my left hand really hard, as I felt a sudden and intense pain. But I did not dare to scream since he was staring at me directly in the eyes. I then looked at my hand on which two small drops of blood appeared since he had cut my skin with his nails.

I returned to the strip when called, armed with thoughts of revenge against the entire Hungarian race, and directing my ire against the opponent I won the bout. Immediately after the bout I ran to my father, and was about to show him my small wound on my left hand when he told me, “Bravo! You fenced like a lion!”

I immediately forgot about my hand and told him, “If I win this competition will you buy me a dog?” I had wanted a dog since I was 4 years old but my father was always dead set against having any type of pet at home. My dad, maybe because he thought that my chances of victory were still very slim, agreed. Awakened from my initial lethargic state and galvanized by the idea of getting a dog, I won the final after a fence-off.

A few days later, we went to pick up the dog, a cocker spaniel pup my father had found through the veterinarian, Dr. Airoldi whose practice in Via Saffi was at walking distance from where we lived in Via Boccaccio in Milan.

He showed us the puppy and his pedigree.

“He’s the son and the grandson of champions,” Dr. Airoldi said showing us his papers. “His name on the pedigree is Bobo Francesco del Turatello. How do you want to call him?” he asked me.

“Jim,” I said right away, a name I had thought of for quite some time. I then approached Jim who immediately made a feral growl, out of character given his small size, baring his teeth at me as if I had offended him by giving him such a non patrician name. My father too was taken aback and exchanged glances of concern with the vet but I, accustomed by then to beating Hungary at least once or twice a week, did not let this intimidate me. I took Jim quickly in my arms and said, “Let’s go!”

I have always remained grateful to Maestro Kevey for that wake-up pinch. Without him all this would have never happened and I would never have had my dog.

Another episode, more fencing related, came back to my mind during a second reading of the book “By The Sword” by Richard Cohen who writes also about Maestro Kevey.  In the chapter where Cohen discusses the mythical secret hits (botte segrete) he mentions the Nyskiem secret hit which originated in Poland. I saw Maestro Kevey execute this hit several times with sabreurs in a group lesson, in a slightly modified form. Maestro Kevey was giving lessons already in the mid 1960s using two weapons in both hands.

I remember clearly an afternoon in 1968, when he demonstrated this hit repeatedly during a training session at Giardino, with a sabreur of the Italian national team—I believe it was Rigoli, but I could be wrong. Building up the action with a series of rapid exchanges of parries and ripostes, he executed the Nyskiem hit with the saber in his left hand first, and then also with the right hand—in either case fainting the riposte with a cut to the outside arm (drawing the sabreur into a tierce parry), and then changing direction at the last moment passing underneath the hand of the sabreur with a vertical reverse cut from low to high (if using the left hand) or vertical cut always from low to high with a hand in second (if using his right hand), ending always under the armpit of the weapon arm (in this case the right one) of the sabreur. This would continue until the sabreur would figure out that he could defend against this hit only by using the second parry—as the author of “By the Sword” points out.

 

Without taking anything away from the excellent Maestri, sabreurs, and referees of today, the saber school of maestro Kevey represents a way of fencing saber which, unfortunately, no longer exist. I wonder how Kevey would have reacted to the elimination of the cross step and hence of the flèche in saber?

As for us, nui chiniam la fronte al Massimo Fattor, che volle in lui del creator suo spirito più vasta orma stampar” (quoting from the poem on Napoleon I “Il Cinque Maggio”  by Alessandro Manzoni.

Meaning: As for us, “we bow our head to the Supreme Being who graced him with a greater footprint of his creative spirit.”

Gil Pezza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

AMARCORD, Maestro Janos Kevey
Versione Italiana

Ho letto su un sito della scherma Polacca che oggi è il 113esimo anniversario della nascita di Janos Kevey. Ripropongo l’articolo che scrissi su di lui nel Maggio del 2012.

————-
Lo spunto di questo breve scritto nasce da uno scambio di email tuttora in corso con la nipote del Maestro Janos Kevey (1907-1991); la quale ha aperto un sito pubblico su Facebook in memoria del suo celebre nonno intitolato Fencing Master Janos Kevey .

Essendo stato per diversi anni della mia adolescenza anche allievo – o meglio alleivo, come diceva Kevey – di questo grande Maestro, nel nostro scambio di email racconto a sua nipote gli episodi più significativi della mia esperienza con lui; ne riporto due in calce.

Nel titolo ho usato amarcord non solo come “io ricordo” ma forse perché questa espressione sottintende l’aspetto mitico dei ricordi dell’infanzia e della prima adolescenza, quando si crede ancora – senza chiedersi perché – nei miti. Quel periodo di vita in cui le figure dominanti, il papà, la mamma ed il Maestro di scherma sono percepiti ancora come semidei, in un’ottica non ancora corrotta dall’esperienza.

Il Maestro Kevey era un uomo carismatico, imponente, con una criniera di cappelli bianchi ed il portamento da ufficiale di cavalleria. Di indole instancabile, con la sua mera presenza aveva un effetto elettrizzante sulla sala di scherma: lezioni di gruppo continue ed incessanti sia in sala che all’aperto nel giardino esterno della sala; mio fratello John ed io molto piccoli, Attilio Fini quando tirava ancora agonisticamente, Giordano Berti, Riccardo Carmina, Daniele Acquati ed altri, tutti insieme in un girotondo continuo di doppi passi avanti e indietro, affondi e frecciate, frecciate sia dall’affondo che precedute dal salto indietro dopo l’affondo ma soprattutto frecciate e frecciate a non finire.

“NO ELICOPTER! “ gridava il Maestro se per caso davi la spinta sbagliata con il piede, cioè in maniera verticale, risultante in una forza opposta verticale che ti mandava all’insù piuttosto che in una frecciata proiettata orizzontalmente verso l’avversario. Se poi la gamba davanti trasgrediva con un errore di misura nell’avanzare, o se si soffermava un secondo di troppo nell’affondo prima del salto indietro….la sciabolata punitiva arrivava sempre, puntuale, come una cambiale. Due o tre di quelle sciabolate garantivano che l’errore non fosse mai più ripetuto.

Anche fuori pedana il Maestro Kevey non tollerava mancanze.

Una volta John ed io entrammo in sala senza fermarci a salutarlo. Venne da noi e con la lama della sciabola tracciò nell’aria il segno della croce davanti a nostri piccoli volti mortificati dicendo: “Voi non avete salutato Maestro, voi siete come morti per me.”

Tornammo a casa e lo dicemmo a nostro padre che disse: “Ha fatto bene! Chiedetegli scusa.”

Il giorno dopo ci scusammo con lui, ma ci fece aspettare lo stesso qualche giorno prima di richiamarci nel gruppo. Comunque, da quel dì non mi sono mai dimenticato di salutare né lui né il Maestro Volpini quando arrivavo in sala e prima di andare via.

Forse oggi questo comportamento potrebbe sembrare un po’ eccessivo ma al Giardino, a quell’epoca (prima del 1970), c’erano dei protocolli rigidi. Non potevi toglierti la giacca della divisa in sala e quando arrivavi in sala dovevi essere vestito in borghese, ma nel vero senso della parola. Se poi camminavi per sbaglio tra due tiratori, tutta la sala si fermava e tutti in sala battevano la lama per terra, fino a quando il Maestro Volpini diceva “da bere per tutti” ed il malcapitato (o i suoi genitori) pagava per tutti: per i tiratori Fanta o Coca-cola, per Maestri e genitori in sala, invece, arrivava il barista dal bar privato del Giardino a prendere gli ordini dei superalcolici; quindi un conto abbastanza salato.

Vista con l’ottica dell’esperienza, la metodologia del Maestro Kevey era basata sul principio la pressione produce il diamante. Quindi, non una scuola per tutti o per i deboli d’animo e gli ipersensibili. Se però avevi ambizione e passione, le sue lezioni erano molto accattivanti poiché era bravissimo nello stimolare il confronto agonistico in cui lui si poneva come avversario da battere. Tutti i suoi giochi (tipo prendere cerchietti al volo con la punta dell’arma, o il guanto a mezz’aria) si riducevano ad un confronto inevitabile tra Italia ed Ungheria; e se, poi, perdevi sul punto decisivo, diceva sempre: “VOI ITALIANI ARRIVARE SEMPRE A PORTA DELLA VITTORIA E POI CROLLA”, questo per fare leva sul nostro orgoglio italico ed ispirare in noi pensieri di rivincita, se non di vendetta, contro l’Ungheria. Nel qual caso si ricominciava da capo, fino a quando trovavi la giusta concentrazione che ti faceva prevalere. Finita la lezione di gruppo, poi, a me ed a mio fratello diceva immancabilmente “Ecco ora voi andare a fare lezione con Maestro Volpini ed imparare grande tecnica”.

L’episodio per me più significativo risale intorno ai miei 10 anni di età durante un pomeriggio di gara al Coni di Milano in via Cerva, in centro città. In cui, durante una finale (ad otto con girone all’italiana, di fioretto normale) avevo iniziato con 2 o 3 sconfitte, tirando male.

Mentre aspettavo scoraggiato il mio prossimo assalto, timoroso anche di sfigurare di nuovo davanti a mio padre, venne da me il Maestro Kevey, e prendendomi la mano non armata, mi guardò intensamente negli occhi dicendomi: “Tu dormire in pedana. Non gridare. Io adesso creare in te piccolo dolore così tu svegliare e tirare per vincere.” Mi diede poi un pizzicotto fortissimo sulla mano sinistra e provai un dolore intenso ed immediato, però non gridai dato che mi fissava direttamente negli occhi. Guardai la mia mano sulla quale si erano formate due piccole gocce di sangue dato che con l’unghia mi aveva bucato la pelle.

Ritornai in pedana con pensieri di vendetta contro tutto il popolo ungherese e prendendomela con l’avversario vinsi l’assalto. Poi andai subito da mio padre che era lí presente; stavo per fargli vedere il mio piccolo sfregio sulla mano sinistra quando lui mi disse: “Bravo, hai tirato come un leone.”

Mi dimenticai subito della mano e gli dissi invece:” Se vinco la gara mi compri un cane?” Volevo un cane da quando avevo 4 anni ma mio padre era sempre stato assolutamente contrario ad avere animali di qualsiasi tipo in casa. Mio padre, forse pensando che le mie probabilità di vittoria fossero ancora molto esili, acconsentì. Risvegliato dal mio torpore iniziale e galvanizzato dall’idea del cane, vinsi la finale dopo spareggio.

Qualche giorno dopo andammo a prendere il cane, un cucciolo di cocker spaniel, che mio padre aveva procurato tramite il veterinario di zona, il Dottor Airoldi, in via Saffi, a due passi da dove abitavamo noi, in via Boccaccio a Milano.

Il Dottore ci mostrò il cucciolo ed il suo pedigree.

“È figlio e nipote di campioni”, disse mostrandoci il pedigree. “Il suo nome sul pedigree è Bobo Francesco del Turatello. Come lo vuoi chiamare?” disse, rivolgendosi a me.

“Jim” risposi subito, un nome che avevo in mente da tempo. Quindi mi avvicinai a Jim che emise un ringhio ferale, sproporzionato per la sua piccola stazza, digrignando i denti, come se si fosse offeso per il nome poco patrizio che gli avevo affibbiato. Mio padre guardò il veterinario con uno sguardo preoccupato ma io, che ormai battevo l’Ungheria almeno una o due volte la settimana, non mi feci intimorire e lo presi sveltamente in braccio e dissi “Andiamo”.

Rimasi sempre grato al Maestro Kevey per quel pizzicotto risvegliativo. Senza di lui tutto ciò non sarebbe mai successo e non avrei mai avuto il mio cane.

Un altro episodio, forse più schermistico, mi è tornato in mente rileggendo di recente il libro “By The Sword” di Richard Cohen (che tra l’altro parla del Maestro Kevey.) Nel capitolo in cui Cohen racconta delle mitiche botte segrete, menziona la botta segreta di Nyskiem originata in Polonia. Ebbene, ho visto il Maestro Kevey eseguirla diverse volte in forma un po’ modificata, con gli sciabolatori, in lezione di gruppo. Il Maestro Kevey, già a metà degli anni ‘60 dava lezioni con due armi, sia fioretto che sciabola.

Mi ricordo distintamente un pomeriggio del 1968 che con uno sciabolatore della nazionale – credo fosse Rigoli ma posso sbagliarmi – in allenamento al Giardino la dimostrò ripetutamente. Facendo degli scambi di veloci di parate e risposte, eseguiva la botta di Nyskiem con la sciabola nella mano sinistra prima e poi anche con la destra fingendo la risposta di taglio sul braccio esterno (mandando quindi lo sciabolatore in parata di terza), per poi cambiare direzione all’ultimo momento passando sotto il pugno dello sciabolatore con colpo in controtaglio verticale dal basso all’alto (se usando la sinistra) o di taglio verticale sempre dal basso verso l’alto con il pugno in seconda (se usando la destra), finendo sempre il colpo sotto l’ascella del braccio armato (in questo caso quello destro) dello sciabolatore. Questo andava avanti immancabilmente fino quando lo sciabolatore capiva che poteva parare questa botta solo usando la seconda – come fa notare appunto l’autore nel libro “By the Sword”.

Senza togliere nulla ai bravissimi Maestri, sciabolatori ed arbitri di oggi, la scuola di sciabola del Maestro Kevey rappresenta una sciabola che, purtroppo, non c’è più. Chissà come avrebbe reagito Kevey all’abolizione del passo incrociato e di conseguenza della frecciata nella sciabola?

Noi comunque “chiniam la fronte al Massimo Fattor… “
Gil Pezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *